Il Castello di Montecuccolo visto e raccontato da noi

 

La visita al Castello di Montecuccolo ci ha portato un po’ indietro ai tempi delle famiglie feudatarie e dell’uomo che più di tutti ha ispirato i racconti del Frignano e soprattutto di questi luoghi: il generale Raimondo Montecuccoli. Cosmopolita ed “europeista”, Montecuccoli viene celebrato con un importante progetto di valorizzazione del Castello dove nacque.

La nostra visita parte dal borgo di Montecuccolo (Pavullo nel Frignano): grazioso e molto silenzioso; le sue stradine collegano le altre frazioni e monumenti nei dintorni, come la Pieve di Renno o Gaiato. Nel cuore del borgo spiccano le alte mura del castello, quasi a riecheggiare le grandi vittorie dei Montecuccoli.

Dopo aver ammirato i suggestivi panorami dalle stradine del borgo, ci spostiamo all’interno del castello.

Qui gli spazi non sono solo ricchi di storia e di bellissime opere degli artisti del Frignano, come Gino Covili e Raffaele Biolchini ma -scorgendo dalle numerose finestre del castello- si può anche ammirare l’eccezionale paesaggio del Frignano: con i suoi borghi, i suoi paesaggi, la loro storia millenaria e dal fascino unico.

In ultimo, ma non meno importante, c’è il Museo Naturalistico del Frignano, dove in esposizione troviamo varie specie vegetali, alcune rare, e fauna tipica del Frignano: dal lupo alla volpe, passando per caprioli, daini, faine, gheppi, falchi e anche aquile reali.

 

Castello di Montecuccolo - Foto Angelo Nacchio

Scorci dal borgo di Montecuccolo - Foto Fabio, Angelo e Luca Nacchio

Veduta dal Castello di Montecuccolo - Foto Luca Nacchio

Scatti di Luca, Angelo e Fabio Nacchio