Visite guidate a Modena e dintorni

Visite guidate a cura dell’Associazione culturale Arianna

SABATO 17 FEBBRAIO ORE 10.00
CARPI. I BORGHI ATTORNO ALLA PIAZZA
1.IL BORGO INFERIORE DI SANT’ANTONIO E L’AREA DI TERRANOVA
L’area del centro storico di Carpi compresa attualmente all’incirca tra le vie San Rocco a nord, Petrarca ed est, Cabassi a Sud e Duomo ad ovest corrisponde all’antico “Borgo Inferiore” poi detto “Borgo di Sant’Antonio”, uno dei primi due sviluppatisi in città. In origine non c’era infatti che il castrum relativo al “Castello”, ma già intorno alla metà del XII secolo è databile la formazione dei primi due borghi al suo esterno, a nord e sud sulle principali direttrici viarie; il “nostro” era quello a nord, nella direzione di Mantova. Protetto da fossato e palancato, era abitato dai borghesani, per lo più artigiani e commercianti, ceti sociali legati alla produzione e all’agricoltura. Utilizzando documenti e mappe storiche ripercorriamo le tracce degli antichi insediamenti, includendo anche l’ultima area urbanizzata dai Pio, quella sul terreno detto Terranova in cui furono poi edificati a partire dal 1523 la chiesa ed il convento di Santa Maria delle Grazie (ora San Rocco).

Incontro: Sagrato del Duomo in Piazza Martiri a Carpi
Durata: 1 ora e 30 minuti circa

SABATO 24 FEBBRAIO ORE 11.00
BELLO ERUDITO
Visita divulgativa al patrimonio librario della Biblioteca esposto in occasione della mostra Da umanisti a bibliotecari. Il fascino dell’antico nelle raccolte ducali. Parleremo delle collezioni estensi e della loro conservazione, vedremo splendide pagine miniate – tra curiosità storiche e tecniche – e sfoglieremo insieme una fedele riproduzione della famosa Bibbia di Borso d’Este.

Incontro: davanti all’ingresso della Biblioteca, all’interno del Palazzo dei Musei, Largo Porta S. Agostino 337.
Durata: 1 ora e 30 minuti circa
Nota: il gruppo non può superare le 25 persone

DOMENICA 4 MARZO ORE 10.30
MUTINA SPLENDIDISSIMA
Definita da Cicerone “firmissima et splendidissima”, Mutina fu una delle più importanti colonie romane dell’Italia settentrionale. La mostra, organizzata in occasione dei 2200 anni di fondazione della colonia, ne racconta le origini, lo sviluppo e l’eredità. Il percorso dunque, nella parte archeologica, evidenzia fondazione, struttura, religiosità, spazi funerari, produzioni di eccellenza e guerre che coinvolsero l’antica Mutina. Nella seconda parte poi, storicoartistica, affronta il tema dell’eredità che la città romana ha lasciato a quella moderna, sottolineando alcuni snodi fondamentali, quali il reimpiego di materiali antichi nella costruzione del Duomo romanico, il richiamo alle origini romane nel Rinascimento, l’interesse per una antichità esemplare, l’erudizione antiquaria e il classicismo dei secoli successivi, fino al progressivo affermarsi nel Novecento e oltre di una coerente politica di tutela e valorizzazione della città romana e dei suoi reperti.

Incontro: ingresso della mostra presso il Foro Boario
Durata: 1 ora e 30 minuti circa


Quota di partecipazione per ogni appuntamento
(ove non diversamente specificato)
€ 5,00 a persona
+
biglietto d’ingresso dove richiesto
Mutina splendidissima (4 marzo): ingresso gratuito

Lascia un commento