Storie resistenti: I Martiri di Renno

C’è un percorso che va da Montecuccolo fino a Renno (entrambe frazioni di Pavullo, nel cuore del Frignano) immerso interamente nel verde dei boschi e che, grazie ai finanziamenti della Regione Emilia-Romagna, anni fa è diventato il “Percorso della Memoria” che punta a tenere accesi i riflettori su queste zone che 70 anni fa furono protagoniste nella Resistenza emiliana e italiana.

Un percorso fatto di tappe e di storie. Vi racconto quella dei martiri di Renno, che riguarda nove giovani e meno giovani del posto (di Renno, appunto) che -dopo la chiamata alle armi nel 1944 da parte della RSI- scelsero invece la Resistenza partigiana.

Ma i fascisti minacciarono ritorsioni verso i loro familiari e i nove si convinsero a tornare sui loro passi dopo alcuni giorni. Ma furono accolti come disertori e, una volta catturati, furono incarcerati a Pavullo nel Frignano e poi fucilati al petto il 29 Marzo 1944 al poligono di Castelfranco Emilia.

Il gesto voleva essere un monito dei fascisti verso le popolazioni della zona, e invece si trasformò in un boomerang: aumentarono le diserzioni e quindi le adesioni alla lotta partigiana.

Ecco perché queste montagne non sono solo luoghi turistici, ma MONUMENTI sacri da venerare in tutto e per tutto.

Oltre al paesaggio splendido, a Renno troverete anche l’antichissima pieve romanica, una volta luogo religioso più importante dell’Appennino modenese.

Le foto scattate lungo il  percorso

(Per vedere meglio le foto, cliccateci sopra)

Articolo e foto di Fabio Nacchio

renno

martiri2

martiri4

martiri3

 

martiri5

martiri6

martiri7

martiri8

martiri9

martiri10

martiri11

martiri12

martiri13

martiri14

martiri15

martiri16

martiri17

martiri18

martiri19