[Parlia-Mo #7] Sèinter la sèrva ed Crèst quand la pèsta al grass (SENTIRE LA SERVA DI CRISTO QUANDO PESTA IL GRASSO)

Modi di dire, usanze popolari e frasi divenute celebri nel tempo. Tutto questo nella rubrica a cura di Gianluca Bellentani e Modena&Dintorni. Oggi scopriamo il modo d’uso del termine “Sèinter la sèrva ed Crèst quand la pèsta al grass”. 

mortaio-in-marmo-con-pestello-in-legno - Serva
Sèinter la sèrva ed Crèst quand la pèsta al grass ( SENTIRE LA SERVA DI CRISTO QUANDO PESTA IL GRASSO ) E’ questo uno scherzoso modo di dire, ormai quasi dimenticato, tipico della zona pre-collinare modenese. Lo si dice riferendosi a una persona molto alta o che abita in un posto molto in alto rispetto al piano. Dio, nei suoi tanti nomi, viene anche chiamato Signore ( Sgnòr ). Nell’immagine popolare, Dio è raffigurato appunto come un signore anche in senso economico, che abita in un paradiso posto in alto nel cielo e che abbia alle sue dipendenze una serva la quale , quando e’ in cucina, ogni tanto pesta il lardo per fare il ripieno delle crescentine. Quindi chi è alto o abita in luoghi posti in alto, e’ più vicino al cielo e quindi al paradiso e può perciò udire cose che altri non riescono a sentire, come il rumore del pestello che batte dentro al mortaio : cosa che invece, chi è in basso, non può certo sentire.

Rubrica di dialetto modenese a cura di Gianluca Bellentani e Modena&Dintorni.