Ritornano i “Varchi nel tempo”, la street art 3D che svela la Mutina romana

Le opere 3D realizzate lo scorso maggio dai 5 artisti internazionali Kurt Wenner, Julian Beever, Leon Keer, Eduardo Relero e Vito Mercurio, vengono di nuovo esposte nel centro storico.

Rivivono la domus, l’anfiteatro, le terme, il capitolium e le mura di Mutina nei luoghi che ne custodiscono i resti: Piazza Grande, Palazzo Carandini, Palazzo della Provincia, sagrato della chiesa di San Biagio, Piazza Roma.

La street art 3D ha scelto la strada dell’anamorfismo per ingannare chi guarda le opere da una determinata posizione creando sprofondamenti illusionistici nel terreno. La tecnica risale al Rinascimento ed era nota agli artisti del tempo, fra i quali Leonardo da Vinci. A Modena, per la prima volta, dialoga con l’archeologia e fa rivivere la città sepolta.

Negli stessi orari è possibile visitare il Laboratorio delle Macchine Matematiche di Unimore, via Camatta 15, che espone prospettografi ed esempi di anamorfosi ottiche.

Mostra il tuo selfie davanti ai varchi nel tempo alla reception della mostra Mutina splendidissima per ottenere l’ingresso gratuito.

 

Gli artisti impegnati, i luoghi e le ricostruzioni virtuali della Mutina romana

  • Julian Beever: Piazza Grande, area antistante Banca Unicredit – DOMUS
  • Leon Keer: Sagrato della Chiesa di San Biagio, via del Carmine 4 – CAPITOLIUM
  • Vito Mercurio: Piazza Roma – MURA
  • Eduardo Relero: cortile del Palazzo della Provincia, viale Martiri della Libertà 34 – TERME
  • Kurt Wenner: cortile di Palazzo Carandini, via dei Servi 5 – ANFITEATRO

Lascia un commento