[Parlia-MO #1] “Isté cun la polvra, inverén cun la rovra.” (Estate con la polvere, inverno con il rovere.)

Modi di dire, usanze popolari e frasi divenute celebri nel tempo. Tutto questo nella rubrica a cura di Gianluca Bellentani e Modena&Dintorni. 

Oggi scopriamo il modo d’uso del termine “Isté cun la polvra, inverén cun la rovra“.

Estate
Estate

Isté cun la polvra, inverén cun la rovra” ovvero “Estate con la polvere, inverno con il rovere“. Questo antico proverbio contadino, vuole sottolineare quanto sia importante il caldo in estate. Mentre la primavera deve essere non troppo calda e piovosa, per preparare la terra alla maturazione dei frutti, l’estate deve essere calda e secca, affinchè le coltivazioni possano avere la maturazione più completa. Se l’estate è quindi secca per le poche precipitazioni ( quindi con la polvere, che viene solo col clima secco ), si avranno raccolti abbondanti e soprattutto col massimo grado di maturazione, che renderanno il contadino più ricco, tanto da poter usare in inverno, per scaldarsi davanti alla stufa o al camino, il legno più pregiato, il rovere.

 

Amici di Modena&Dintorni, siete già iscritti alla nostra Newsletter? No potete farlo subito, cliccando sulla scritta “Newsletter” in arancione, basta compilare i dati, e il gioco è fatto.

 

La rubrica dialettale di Gianluca Bellentani, torna giovedi prossimo, mi raccomando… non mancate!