[Parlia-MO #2] “UN PALAMÀI”

Modi di dire, usanze popolari e frasi divenute celebri nel tempo. Tutto questo nella rubrica a cura di Gianluca Bellentani e Modena&Dintorni. Oggi scopriamo il modo d’uso del termine “UN PALAMÀI”.

PALAMAI

UN PALAMAI

Quando a Modena si vuole indicare un luogo poco spazioso ma pieno di gente, si usa dire che codesto luogo è UN PALAMAI. Il termine deriva dalla parola italiana Pallamaglio, un antico gioco molto in voga sino al xv sec. Si giovava con bastoni e una palla di legno che si doveva far passare oltre certi ostacoli e poi farla finire dentro ad una buca. Questo gioco, il Pallamaglio, era quindi l’antenato degli odierni sport quali il cricket e il golf. A Modena sorgeva un campo in cui il Pallamaglio veniva giocato ed era vicino all’ odierna stazione dei treni. Quando il Pallamaglio smise di essere in voga, sul campo di gioco vennero costruiti alloggi popolari fitti e stretti, in cui le famiglie più indigenti andavano ad abitare. Erano quindi un alveare di piccoli appartamenti, abitati da una moltitudine di persone stipate come sardine.

Questi edifici vennero abbattuti ad inizio ‘900 quando si costruirono i viali che vediamo anche oggigiorno. Se ci fate caso, anche adesso, se venite dal Braglia verso la rotonda di Natale Bruni, passata la via che porta alla stazione dei treni, dalla parte dx di fronte potrete vedere che esiste ancora Via del Pallamaglio, anche se poco visibile da chi questo viale lo percorre in auto.

Rubrica di dialetto modenese a cura di Gianluca Bellentani e Modena&Dintorni.