Carpi: Il Palazzo dei Pio tra storia e leggenda

 

Carpi: Il Palazzo dei Pio tra storia e leggenda

Il Palazzo dei Pio, comunemente detto Castello, come noi lo vediamo ora, visivamente unitario benché composto da edifici disomogenei per datazione e caratteristiche, è una struttura che si estende da est a ovest tra le due piazze principali della città (l’antica piazza Re Astolfo a est e la

palazzo
Foto di: Federico Massari

rinascimentale piazza dei Martiri a ovest).

L’apparente uniformità è data dalla facciata principale di ponente che è costituita, oltre che dalla parte centrale rinascimentale, dalla aggiunzione estense degli anni Ottanta del Cinquecento a nord e dalle cosiddette “Stanze del Vescovo” a sud, a congiungere la parte centrale rispettivamente con la torre del Passerino a nord e col Torrione di Galasso o degli Spagnoli a sud.

I numeri del palazzo:
11 sono i secoli di vita di questa parte della città, dalle origini della struttura del castello a oggi.

Oltre 14.000 sono i metri quadrati di superficie del palazzo, che comprendono cortili, porticati, terrazze, sale affrescate, loggiati, una cappella, ma anche uffici, sale conferenze, sale espositive, il tutto concentrato in tre Musei, un Archivio, una Biblioteca e il Castello dei Ragazzi, una struttura attrezzata per le attività dei più giovani.

Oltre 160 metri è lungo il fronte del palazzo sulla piazza dei Martiri.
Infine 6 sono le fasi storiche della vita del palazzo che abbiamo individuato nei suoi 11 secoli di storia: la fondazione del castrum carpense, l’oppidum opulentissimum dei Pio, Alberto Pio e il Rinascimento, la fase di degrado estense, la riscoperta ottocentesca del palazzo, il futuro del palazzo dei Pio. Ma c’è anche una leggenda che vive tra le sale del Palazzo.

La Dama Bianca al Palazzo dei Pio
Un’antica leggenda racconta che la torre medievale detta dell’Uccellino nel Palazzo dei Pio a Carpi sia stata abitata nei secoli passati da una bellissima dama, moglie di uno dei signori Pio che governava la città.
E’ la leggenda della “Dama Bianca” al Palazzo dei Pio a Carpi. Non si sa bene se Bianca era il nome della ragazza o il colore dell’abito e della luce che emana quando appare. La versione ufficiale dice che la dama avesse un marito davvero crudele, rozzo e rude, un guerriero al servizio dei signori di Milano.
Si afferma che la cattiveria di quest’uomo lo indusse a far uccidere la bella moglie e farla gettare da una finestra del Palazzo.
La Dama avrebbe poi lanciato una maledizione secondo la quale ella sarebbe apparsa tre giorni prima della morte di qualcuno della famiglia per arrecare angoscia e dolore a gli ultimi giorni di vita degli stessi, e sembra che così sia stato.
Diversa è la versione che si sente mormorare d’estate dai ragazzini che si radunano in piazza.
Sembra che la Dama si fosse, in realtà, buttata dalla finestra una sera in cui al Palazzo c’era una festa meravigliosa e le era stato impedito di partecipare poiché era presente anche il suo innamorato, un giovane che le proibivano di vedere per evitare scandali con il marito.
Si ringrazia il sito internet Palazzo dei Pio per le preziose informazioni