Carpi, da albero a città

Carpi, da albero a città

Carpi città
Carpi città

Carpi città

Una leggenda narra che Astolfo, Re dei Longobardi, fosse solito andare a caccia con il suo fedele falcone tra foreste intricate e umide paludi.

Un giorno lanciò il suo falco all’inseguimento di una preda, ma dopo poco l’animale scomparve nel fitto bosco. Lo cercò disperatamente in ogni luogo, ma senza successo.

Decise, allora, di fare un voto: se lo avesse ritrovato avrebbe fondato una città e una chiesa dedicata alla Madonna.

Finalmente dopo numerose ricerche lo vide appollaiato sul ramo di un enorme albero di carpine.

Fu allora che il re decise che avrebbe chiamato la città Carpi, dal nome dell’albero e lì avrebbe costruito la pieve di Santa Maria in Arce, conosciuta come La Sagra e situata in quello che è oggi è appunto denominato, Piazzale Re Astolfo, a ridosso di Piazza Martiri.

Foto di: Federico Massari

Articolo redatto da Luca Nacchio